Come pilotare il drone DJI Spark con il radiocomando

Pubblicato : 19/07/2018 13:10:54
Categorie : Recensioni

Collegare il radiocomando al drone Spark è un gioco da ragazzi! Segui la guida e le fotografie per impostare il link in un minuto

Dopo una recensione del drone DJI Spark vediamo insieme una breve guida per imparare a connettere il DJI Spark al suo remote controller. 

Pilotare il drone con il radiocomando è la prima lezione di volo per ogni pilota, e con le foto è ancora più semplice vedere come collegare il velivolo al remote controller.

collegamento il radiocomando al drone spark

Ecco gli argomenti 

•      Pilotare con il palmo della mano

•      Tap Fly e Active Track

•      Cos’è e come funziona la modalità QuikShot

•      Gimbal e fotocamera: caratteristiche tecniche 

•      DJI Spark: un ottimo rapporto tra qualità e prezzo

•      Come collegare il radiocomando al drone DJI Spark 

Il collegamento stabile e corretto tra remote controller e DJI Spark è il primo passo per mettere alla prova le tue abilità di pilota. Ora scopriamo le caratteristiche del DJI Spark e poi vediamo come metterlo all’opera.

Il DJI Spark è il piccolo di casa, con il suo peso limitato di soli 330 grammi. Un drone alla portata di ogni  pilota, piccolo o adulto, esperto o alle prime armi. Vediamo nel dettaglio cosa offre questo drone ultraleggero, con dotazione di fotocamera di elevato livello e facile da pilotare.

DJI Spark: com’è fatto e come funziona 

Il design del DJI Spark, segue la linea del Mavic Pro, con una dimensione davvero ridotta, nonostante i bracci non siano ripiegabili. Questo drone si può pilotare con semplicità, grazie alla modalità di guida gestuale, dove ti basterà il solo palmo della mano. Non si tratta di uno scherzo, ma è proprio così.

Pilotare con il palmo della mano 

Il DJI Spark è progettato per decollare dal palmo della mano ed entrare in automatico nella modalità di navigazione gestuale. In modalità di pilotaggio Gesture sono sufficienti i gesti della mano per impartire comandi al drone. Con la sola mano fai avvicinare il drone, o scattare foto, e per l’atterraggio, nessun problema! Basta un gesto della mano e l’atterraggio avverrà sul palmo della mano.

La modalità di comando Gesture, non è certo l’unico modo in cui pilotare il dorne. Grazie infatti all’applicazione DJI GO puoi gestire la modalità di comando anche attraverso il remote controller.

Tap Fly e Active Track

l’utilizzo dell’impostazione TapFly e Active Track

Con una dimensione ridotta il DJI Spark, non ti fa rinunciare proprio a nessuna delle tecnologie della casa. Infatti il modello Spark non ha niente in meno dei modelli top di gamma della DJI. Anche sul modello Spark è presente la tecnologia Vision System per  l’utilizzo dell’impostazione TapFly e Active Track.

Se non sai di cosa si tratta allora sei arrivato nel posto giusto. In poche parole con Tap Fly, attraverso l’app sul tuo dispositivo mobile, inquadri l’area di movimento del drone. Con un semplice touch sullo schermo, indichi la traiettoriadi movimento del drone, che lo eseguirà in automatico. Con Acrtive Track  effettui l’inquadratura del soggetto che il drone deve seguire, mantenendolo al centro della ripresa. Due funzioni tanto semplici quando importanti per ottenere il meglio dal tuo piccolo drone.

Cos’è  e come funziona la modalità QuikShot

Ma Spark oltre a offrire semplicità di comando e funzionalità degne dei modelli superiori, dispone anche di modalità di brevi video selfie. Si tratta delle modalità di registrazione QuikShot, tanto semplici da effettuare quanto di effetto per il tuo divertimento.

Se imposti  la modalità QuikShot, lo Spark realizza brevi video di 10 secondi, con inquadratura sui soggetti che indichi tu dall’applicazione.

4 modalità di video per soddisfare il piacere di riprese automatiche e d’effetto:

1.    Droni, il drone riprende in una traiettoria in allontanamento dal soggetto.

2.    Rocket, il dorne segue una traiettoria perpendicolare verso l’alto, con fotocamera rivolta verso il basso.

3.    Helix, il drone gira a spirale intorno al soggetto.

4.    Circle il drone registra seguendo una traiettoria circolare intorno al soggetto.

Le più importanti feature di casa DJI sono presenti nel modello Spark, e nemmeno gli amati delle velocità potranno sentirsi abbandonati. Infatti nella modalità di guida Sport raggiunge velocità sino a 50 km/h. Una modalità da provare anche con il comando in FPV con l’utilizzo dei visore DJI Goggles. Un’altra tecnologia da utilizzare con lo Spark, come con i modelli più importanti.

Gimbal e fotocamera: caratteristiche tecniche

Gimbal e fotocamera: caratteristiche tecniche

Ora che abbiamo scoperto i dettagli di guida è il momento di scoprirne le caratteristiche tecniche, quelle che rendono le sue performance davvero sensazionali. Nella piccola dimensione si nasconde una grande tecnologia: un gimbal con stabilizzazione a 2 assicon tecnologia UltraSmooth.Un’altra grande soluzione DJI che permette l’assorbimento delle vibrazioni tramite supporti di ammortizzamento per la registrazione di riprese e scatti fermi. Con la tecnologia UltraSmooth anche il DJI Spark offre immagini nitide e ben stabilizzate. Il nucleo ottico del gimbal vede una fotocamera con scatti da 12 MP, con registrazioni fino a 1080p a 30 fps con un live streaming in 720 p con copertura massima di 2 km. La fotocamera ha unsensore ½,3” e obiettivo 25mm f/2,6. 

Pilotare lo Spark è davvero un gioco da ragazzi, metti da parte la paura di collisioni con ostacoli sulla traiettoria di volo! Infatti è dotato di sistema di pilotaggio assistito con la tecnologia  FlightAutonomy. Questo sistema di navigazione sfrutta una serie di elementi che supportano il volo ed evitano gli ostacoli in automatico.

•      videocamera di bordo

•      sensore di posizionamento verso il basso

•      GPS

•      sensori 3D rivolti verso il basso

•      Glonass.

Con questi strumenti il sistema Flihght Autonomy controlla gli ostacoli sottostanti sino a 30 m di distanza e quelli di fronte al drone sino a 5 metri. 

Con questo drone ultracompatto  non rinunci proprio a niente. Unico compromesso è l’autonomia di volo, che si attesta a 16 minuti.

Ma non rinunci certo alla bellezza dello Spark che puoi trovare in molte varianti di colori, un vero gioiello anche per la vista!

DJI Spark: un ottimo rapporto tra qualità e prezzo

Puoi acquistare lo Spark ad un prezzo conveniente se pensi alla dotazione tecnologica di cui dispone. Ma se vuoi aggiungere qualcosa in più scegli l’opzione DJI Spark Fly More Combo, che include nel pacchetto:

•      doppia batteria

•      radiocomando

•      4 paia di eliche

•      stazione di ricarica delle batterie

•      cavi e borsa a tracolla per un agile trasporto 

Ora che hai scoperto tutte le caratteristiche tecniche vediamo quanto è semplice farlo partire. Con una guida e le foto vedrai come collegare lo Spark e il telecomando.

Come collegare il radiocomando al drone DJI Spark 

Come collegare il radiocomando al drone DJI Spark

Nel pacchetto Spark Fly More Combo, il radiocomando è collegato al radiocomando prima della vendita

1.    Accendere il radiocomando 

2.    Accendere il DJI Spark 

3.    se i led di stato frontali sono a luce rossa, allora il radiocomando deve essere collegato al drone

4.    Tieni premuto per 3 secondi il tasto di accensione del drone quando i led sono a luce verde e il drone emette un segnale acustico, allora il collegamento tra Spark e radiocomando è avvenuto correttamente

5. Tieni premuti sul radiocomando in contemporanea il Pause Button e il Function Button e Customised Button 

6.    quando gli indicatori di stato del radiocomando  sono a luce fissa verde, il collegamento è avvenuto con successo

7.  Connetti il tuo dispositivo mobile alla rete Wi Fi SSID del radiocomando denominata “spark-RC-XXXXXX”. Ricorda che la password di default è 12341234 e poi cambiarla in qualsiasi momento

8.  Lancia l’app DJI GO4 e quando usi il radiocomando

9.    Se vuoi pilotare il drone con il dispositivo mobile, allora devi  disconnettere il radiocomando. Premi per 6 secondi il Power Button del drone. Quando il drone emette un segnale acustico il remote controller è scollegato.

10.  Connetti il dispositivo mobile alla rete WiFi del drone.

11.  Puoi controllare le credenziali per la rete SSID Wi Fi e la password nell’alloggiamento della batteria del drone e sullo storage box

Con questa breve guida hai imparato a collegare il remorte controler al DJI Spark ed hai scoperto le caratteristiche principali del drone ultracompatto più leggero e semplice da pilotare!

Condividi questo contenuto

Devi essere registrato

Clicca per registrarti

Aggiungi un commento